SOStieni il mio blog


With your help, I can continue to provide free information on the Web.



22/12/10

La casa de agua

La casa de agua
estoy para ir lejos, lejos espero tener un buen día dondequiera.
Estoy corriendo lejos, lejos espero de tener una
hermosa noche no obstante. (Canto de tribus Papago)

La última barca se ha ido a quebrarse contra los arrecifes oscuras, a orillas del mar, en un mañana que se confunde en el tiempo. En ella había depositado los últimos mis sueños infantiles y esperaba de verla desaparecer más allá del horizonte, y en su lugar las ondas... Se caian una sobre la otra palabras que sabían de revolución, pero ninguna... Nadie había, sin embargo, el coraje, la fuerza y la organización para pasar de las palabras a los hechos.
– Entonces tomaré yo la situación en la mano.
La mirada de mi madre dejaba mi padre y se posava terrible sobre mi rostro perdido.
– No quiero ripetertelo otra vez: basta jugar con estas estúpidas barquitas de madera. Tienes ya ocho años y sería tiempo que tu empezes ad ajudar en casa y a cuidar a tus hermanos más pequeños. Me EXPLICO?
Las decenas de barcos que me quedaban, ahora, sólo una consiguió escapar de la ira de mi madre porque enterrada bajo la arena.
Yo había llorado en ver las llamas comerse avidamente mis sueños. Pero aún más había sufrido en ver los últimos mis sueños naufragar antes de salir por el mar abierto. Mi padre atrajo en sus grandes manos estas últimas mis lágrimas y, creo que, si hubiera podido las habría sembradas en su corazón, pero la brisa de la madrugada se las llevó vía junto a la arena y a mis cabellos y a sus palabras de consuelo, y todo se confundieron con el aire, antes... Con el tiempo, después. Inmortal seguirá siendo, sin embargo, esta nuestra imagen: él que me apreta fuerte a sí mismo, y yo, que llorando, continuo a repetir:
– Porque lo ha hecho! No debía hacerlo!

... CONTINUA... Proximamente!!!

17/12/10

BOAS FESTAS


Senhor São Silveste
mandans pa li ness casa
Ali ness casa do senhor e da senhora
Eu ker saber se a senhora é mulher honrada
Para correr mão la na chave de bambaú
Para tirar uma oferta grandiosa
Para repartir a todos nossos companheiros
O da ka,
O da ka, s'bo ti ta da ka
S'bo ka ti ta da ka um ta manda Jorge pa remetê
Porque Jorge é um homem de má consciência
Onde kel bai tira mais e deixa menos
E obrigada pess oferta grandiosa
Da nos vida e saúde pá otr'one pá no torna bem

06/12/10

l’arte non ha confini, è creazione, fantasia

Jorge Canifa: l’arte non ha confini, è creazione, fantasia
Jorge Canifa è uno scrittore ma prima di tutto è un cittadino del mondo. Nato a Capo verde si è formato culturalmente ed umanamente in Italia ed ora vive in Spagna; tutte esperienze che hanno contribuito a dar vita ai suoi tanti racconti.

Lei è nato a Capo Verde, ha vissuto in Italia ed ora si trova in Spagna. Cosa significa per lei essere cittadino del mondo?
Sono nato in una società multietnica, dove da sempre si sono incontrati uomini e culture differenti. In Italia, sin da piccolo, avevo sei anni e mezzo quando sono arrivato, ho imparato a relazionarmi con gli altri senza rinchiudermi in gabbie nazionali, razziali, religiose o simili, questo grazie alla mia anima “senza confini” e senza dimenticarmi di essere capoverdiano mi sono nutrito della cultura italiana, e con essa mi sono sposato, arrivando a concepire un tipo di scrittura “bi-alare” che mi permetta di essere identificato sia come capoverdiano, dai capoverdiani, che come italiano, dagli italiani. Questo mi da molta libertà di espressione e mi fa sentire cittadino del mondo.
È stato difficile lasciare l’Italia, anche da “straniero”. Amo l’Italia con tutta la mia anima, allo stesso modo della mia terra, ma sono stato costretto a volare via. L’italia, culturalmente parlando, sta morendo. Non si investe più nella cultura e i mezzi di comunicazione sono sempre più spazzatura. L’Italia mi ha tolto il diritto di sognare, di fantasticare, di nutrirmi di cultura. In Spagna c’è ancora un grande fermento culturale, ci sono molte iniziative artistiche e per giovani. Non sarà difficile integrarsi in questa nuova realtà in cui vivo da qualche mese ma... qui riesco ancora a sognare e a nutrirmi di arte!

22/11/10

SAHARAUI LIBERO

SARAWY LIBERO... 1975-2010 una ferita sempre aperta.
SARAWY non è vicino ma la nostra coscienza per la libertà, l'amore per la Libertà ci porta a lottare al fianco di questo popolo invaso con violenza!

Vídeo Clip da música "Sarawy" interpretada pela cabo-verdiana Celina Pereira, com letra da autoria de A. Rui Machado. A história de Cabo Verde e da sua solidariedade com outros povos. Música do CD "Música de Intervenção Cabo-Verdiana" de Alberto Rui Machado.

Moda Bô

Nuovo video Lura e Cesaria Evora!
Da non perdere!!!!

13/11/10

Levantar a cabeça

de www.paicv.cv
Doing Business 2011: Cabo Verde entre os 10 melhores performers a nivel mundial

10-Nov-2010

Cabo Verde acaba de ser classificado como um dos países que está no top 10 mundial em matéria de melhoria do ambiente de negócios.
Num ranking de 183 países, Cabo Verde subiu 10 lugares em relação ao ano transacto, tendo sido incluído entre os 10 melhores reformadores a nível mundial que mais aperfeiçoaram o ambiente de negócios. A lista deste ano das 10 economias que mais melhoraram inclui três da África Subsaariana: Ruanda, Cabo Verde e Zâmbia – bem como o Peru, Vietnã, Tadjiquistão, Hungria, Grenada e Brunei Darussalam. Esta é uma conclusão do Relatório do Doing Business 2011: Making a Difference for Entrepreneurs, divulgado hoje, dia 4 de Novembro, em Washington, o oitavo de uma série de relatórios anuais publicados pelo IFC e pelo Banco Mundial. De acordo com o Doing Business, Cabo Verde tornou mais fácil a abertura de uma empresa com a informatização do sistema de licenciamento. (ler mas)

08/11/10

Investir em Cabo Verde

20 Planos de Negócio para o Emigrante Investir em Cabo Verde

http://ie.ic.cv

O Instituto das Comunidades fez na passada segunda-feira, 8/11/2010, a apresentação pública do Website do projecto “ 20 planos de negócios para o emigrante investir em Cabo Verde” (http://ie.ic.cv ), e, ainda, o novo layout do site do Instituto das Comunidades.

O referido projecto servirá para divulgar as oportunidades de investimento em Cabo Verde, a motivar os emigrantes a ter uma atitude pró-activa em relação as oportunidades de negócios em Cabo Verde e a orienta-los na sua tomada de decisão sobre onde investir as suas poupanças. Foram construídos 20 planos de negócios inovadores e de rentabilidade elevada, que abarca os pequenos, médios e grandes investidores, em quase todos os sectores da actividade económica, exclusivamente para o emigrante realizar o seu sonho de investir na sua terra natal – Cabo Verde.

O site deverá funcionar como uma espécie de “one stop shop” de informações para os emigrantes que pretendam investir no país.

Para maiores informações o projecto encontra-se alojado no site http://ie.ic.cv

22/09/10

il razzismo che uccide

JERRY MASSLO... sfugge al razzismo sudafricano e trova la morte in Italia.

da un intervista realizzata da nonsolonero, Roma 1989.
« [...] Pensavo di trovare in Italia uno spazio di vita, una ventata di civiltà, un'accoglienza che mi permettesse di vivere in pace e di coltivare il sogno di un domani senza barriere né pregiudizi. Invece sono deluso. Avere la pelle nera in questo paese è un limite alla convivenza civile. Il razzismo è anche qui: è fatto di prepotenze, di soprusi, di violenze quotidiane con chi non chiede altro che solidarietà e rispetto. Noi del terzo mondo stiamo contribuendo allo sviluppo del vostro paese, ma sembra che ciò non abbia alcun peso. Prima o poi qualcuno di noi verrà ammazzato ed allora ci si accorgerà che esistiamo » (Jerry Essan Masslo, poco prima che venisse assassinato a Villa Literno, 1989)

21/09/10

find my way

Cerchiamo tutti la strada che ci porti verso la luce del cambiamento, ma la troviamo? Spesso pensiamo che sia troppo tardi per alzarsi in piedi ed iniziare un nuovo percorso, un nuovo cambiamento, una nuova strada... Non è mai troppo tardi!
Se solo lo vogliamo possiamo alzarci in piedi ed fare il primo passo... il segreto è tutto qua: fare il primo passo! Tutto scorre via veloce, poi, tanto veloce che quando ti fermi a guardarti indietro ti rivesti di meraviglia notando la strada percorsa e il cambiamento effettuato!
Se poi uno non riesce a fare il primo passo allora... niente è perduto... basta mettersi una cuffia alle orecchie e lasciarsi trasportare da Vanda May e il suo nuovo percorso sonoro: FIND MY WAY!

Produced by Kaysha for Sushiraw ent. / Written & performed by Vanda May / All vocals by Vanda May / Mixed by Kaysha @ Sushiraw labs / Mastered by P. Martias @ PM Studios, Paris / (Vanda May / Kaysha / Sushiraw publishing) / Photo & graphic design by Kaysha / ©2010 Sushiraw
Il ritmo è di quelli che ti portano dentro un sogno leggero come il volo di una farfalla, con la sensazione che al risveglio la strada tu l'abbia veramente trovata! Ascoltatela e poi ditemi la vostra!

Vanda May
Find My Way
http://www.myspace.com/vandamarisa

09/09/10

Salviamo i giovani!

Carta do presidente dà Onlus Tabanka Jorge Canifa Alves a Sua Excelência Primeiro-Ministro de Cabo Verde José Maria Neves

(foto: Jorge Canifa e o Primeiro Ministro de Cabo Verde)


A Sua Excelência o Primeiro-Ministro José Maria Neves,
a Sua Excelência o Senhor Embaixador José Eduardo Barbosa
e a todas as pessoas aqui juntos
Peço desculpa por não estar aqui na vossa presença, mas no momento já não vivo na Itália, mas tambiem queria estar junto com voçes todos neste dia assim importante, onde os cabo-verdianos de Roma e de Itália tens o prazer de sentir-se em casa, na presença do nosso estimado primeiro-ministro que mucho tem feito para a diaspora e que mucho continuarà a fazêr.

Tambem vale a pena lembrar che nos da diaspora, nos mesmo que estamos fora das nossas ilhas, longe de Cabo Verde somos ugualmente caboverdianos desde os dedos dos pés ao ultimo cabelo em nossa cabeça ... mas tenemos que lembrar que o nosso problema mais grande seran os jovens… a situação dos jovens cabo-verdianos que vivem fora das ilhas deve ser tema de discuçao com a intenção de buscar e encontrar uma solução. Aqui na Itália é mais difícil do que em outro lugar para os jovens levantar a cabeça e lutar em pé no mesmo plano de igualdade com os otros jovens nacionais porque aqui mais do que qualquer outro pais ser un estrangeiro é ser um estrangeiro de verdade para toda la vida mesmo depois de trinta anos que residem no território, é masi estrangeiro que em todos los outros lugares, porque aqui a cor da pele bloqueia cada tentativo de carreiras profesionais. Os jovens italo-verdianos individualmente são extraordinários jovens capaz de levantar o mundo se tens a oportunidade de fazê-lo, mas aqui neste país onde quase não conseguem de ser italiano e muito menos se ele for dada a oportunidade de ter oportunidades de carreiras e cargos de gestão qualificada de alto nível.

Como Tabanka, no passado, estávamos perto de nossos jovens com projetos culturais antes de tudo, mas sabemos aos nossos jovens falta a esperança num futuro melhor, esperança de que pode conseguir algo de concreto e importante porque eles não tens marcos, pontos de referências como pode ser outros cabo-verdianos que ocupam posições importantes nas empresas italiana. É necessário que Cabo-Verde se ative na busca de soluções políticas que permitam aos nossos jovens de empreender carreira relevantes para a saúde, para a sorte do nosso microcosmo caboverdiano. Os jovens sentem-se traídos por esse país, Italia, que não lhes dá espaço; tambem os jovens se sentem abandonados por Cabo Verde, que não lhes considera plenamente e não tem planos ou projetos para ajudar os jovens que querian entrar “com um alto nivel” nas sociedades de acolhimento. Devido a esta dupla traição, os jovens perdem a esperança, deixam a escola e despois não fazem nada para melhorar a propria situação. Há jovens que ganham grandes prêmios, outros, com extraordinário currículo de cooperaçao, mas não são nenhuno, socialmente falando, e devem lutar para encontrar trabalho qualificado e não consiguem ter sucesso nessa sociedade .

Em nome da onlus Tabanka peço ao Primeiro Ministro de traer em Parlamento a situação dos jovens cabo-verdianos no estrangeiro, e nomeadamente em Itália. Se o Governo não fará nada para estes jovens é evidente que estes jovens não podreian fazer algo de importante para Cabo Verde. Precisamos de jovens na FAO, UNICEF, FIDA e otros organização. Se o governo não dará respostas, esperas em breve para esses jovens, Cabo Verde cometirà o maiore dos crimes: o abandono dos seus filhos!

Obrigado
Jorge Canifa Alves
Presidente di Tabanka onlus

01/09/10

Paulo Freire e Amilcar cabral

Cabo Verde acolhe VII Encontro Internacional do Fórum Paulo Freire


A Direcção Geral de Educação e Formação de Adultos, em parceria com a Universidade de Cabo Verde e o Instituto Paulo Freire de São Paulo, vai organizar de, 12 a 19 de Setembro, na Praia, o VII Encontro Internacional do Fórum Paulo Freire.
O Encontro que terá como tema central “Paulo Freire e Amílcar Cabral: Por uma Releitura da Educação e da Cidadania Planetária”, contará com a presença de personalidades que compartilham, debatem e reinventam a concepção política - pedagógico de Paulo Freire.
Conferências, mesas redondas, comunicações individuais e de grupos, debates e exposições, fazem parte da programação do VII Encontro Internacional do Fórum Paulo Freire, que vai reunir conferencistas da Europa, América e África.
Serão debatidos nos encontros temáticos, problemáticas que giram à volta de: Contextos e políticas educativas; Paulo Freire, Amílcar Cabral e experiências de intervenção em educação; Práticas e projectos em educação, entre outras.
O VII Encontro Internacional do Fórum Paulo Freire, primeiro em África, conta com o patrocínio do Governo de Cabo Verde, do Governo Regional das Canárias e da UNESCO e apoios de vários organismos nacionais e internacionais.

da Boletim do Ministério da Educação e Desporto

Especial - Inicio do Ano Lectivo 2010-2011

28/08/10

nello scantinato del tempo!

ROMA TRE
Facoltà di Scienze della Formazione
CREIFOS - Centro di Ricerca sull’Educazione Interculturale e sulla Formazione allo Sviluppo

SCRITTURE IN MOVIMENTO
INCONTRO CON AUTORI AFRO-ITALIANI

27 Marzo 2007
Aula Volpi
Facoltà di Scienze della Formazione, Università degli Studi Roma Tre
Via del Castro Pretorio, 20 Roma

ore 10

SALUTI
Francesco Susi, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione, Università degli Studi Roma Tre

INTRODUZIONE AI LAVORI
Alessandro Portelli, Docente di Lingue e Letterature angloamericane, Università degli Studi La Sapienza

ore 11,00

MADRE PICCOLA E IL FRUTTO CANDITO DELL’ESILIO
Cristina Ubax Ali Farah, Scrittrice

KRONOS’90 POESIA IN BIANCO, NERO E GRIGIO
Jorge Alves Canifa, Scrittore


SCONTRO DI CIVILTÀ PER UN ASCENSORE A PIAZZA VITTORIO
Amara Lakhous, Scrittore
Ore 12.30

DISCUSSIONE

Interveranno:

Massimiliano Fiorucci, Donatello Santarone, Paola Splendore, Marco Catarci, Alfredo Tagliavia, Maurizia Russo Spena, Igiaba Scego

LETTURE: Carmine Iovine e Laura Piroli

12/08/10

Capo Verde, anima & parole

VELVET

On the road

Capo Verde, anima & parole

Uno scrittore capoverdiano trapiantato in Italia ritorna “a casa” con i ricordi. Un percorso musicale nella tradizione del sound di ieri e oggi. Un po’ di consigli di viaggio per chi deve partire. E il mare? C’è, bellissimo, ma noi volevamo tenere i piedi per terra...

Lontano... mentre si ode lontano il ronzio di una vuvuzela e il cuore batte per un’Africa finalmente protagonista, la mia anima si adagia sulle ali di un gabbiano e prende il volo verso il respiro natio nel ricordo recente di un viaggio...
(clicca sull'immagine per leggere l'articolo... da pag 74 della rivista Velvet)
(oppure vai direttamente sul sito... Velvet.repubblica.it)

03/08/10

Personaggi: Maria de Lourdes Jesus

Maria de Lourdes Jesus: Mulher de causas (da A SEMANA)
31 Julho 2010
É uma jornalista que fez muitas das suas lutas na Itália, país para onde emigrou na década de setenta, com 15 anos. Com apenas a quarta classe foi trabalhar como empregada doméstica. Estudou, formou-se e assumiu a defesa das minorias – contra o racismo e a discriminação, pelos direitos dos emigrantes… – em combates que lhe valeram vários prémios. O último é o “Prémio Nelson Mandela”, que recebeu no dia 22 de Junho, em Joanesburgo. (continua su A Semana---> LOURDES)
LA NOSTRA MARIA DE LOURDES JESUS
(di Canifa)
Maria de Lourdes Jesus (Nel riquadro durante la premiazione "Premio ad un giornalista del Sud del Mondo" insieme con l'Ambasciatore di Capo verde in Italia Josè E. Barbosa) è una apprezzata giornalista capoverdiana formatasi in Italia negli anni '80 (dove condurrà, prima nera nella televisione italiana, il programma "non solo nero" . La Jesus si è distinta negli anni per il suo impegno contro il razzismo e la discriminazione in generale partecipando attivamente a tavole rotonde in Italia e in altri paesi non solo europei, ma non disdegnamdo comunque di scendere in piazza al fianco della gente comune impegnati nella difesa dei propri diritti.
In Italia dagli inizi degli anni '70, capisce subito che la sua terra (Capo Verde) è lontana per lei come per tutti i suoi connazionali della diaspora e che bisogna impegnarsi anche affinchè le Isole possano essere piú vicine ai propri connazionali o almeno che la sodade (nostalgia tipica capoverdiana) possa essere mitigata il piú possibile... e insieme ad altre donne capoverdiane crea nel 1978 l'OMCVI (organizzazione di donne capoverdiane in Italia) con l'impegno di sostenere le donne capoverdiane nell'inserimento nella società italiana e con quello di valorizzare qui la cultura capoverdiana anche attraverso i mezzi di comunicazione di massa passato da riviste come "Racordai" fino al programma radiofonico settimanale "Radio Onda Capoverde", prima e "Radio B.Leza", dopo. Nle 2004, insieme ad amici ed intellettuali capoverdiani ed italiani fonda l'associazione Tabanka onlus, con lo scopo di iniziare a collaborare seriamente con le Isole stesse e per sostenere i progetti giovanili in Italia.
Nel 2010, dopo aver lavorato 21 anni in RAI e delusa dall'andamento del giornalismo in Italia, che non lascia spazio nè all'arte nè alla verità, torna definitivamente a Capo Verde dove continua il lavoro di cooperazione internazionale iniziato con Tabanka onlus creando una nuova associazione locale: Mare Caela!
A Maria de Lourdes Jesus vanno tutti i ringraziamenti (per il suo impegno in Italia e per essere sempre stata affianco a ciascun capoverdiano lì dove era possibile) e gli incoraggiamenti per il fututo da parte di tutti i capoverdiani d'Italia.
CORAGEM IRMA'

25/07/10

Buon compleanno!!!

Grazie a tutte le persone che si sono ricordate di questo mio straordinario 24 luglio 2010. (a lato il mio Avatar tra due nuove bandiere capoverdiane, davanti alla vecchia e storica bandiera dell'indipendenza, 1975)
106 persone tra messaggi su Facebook (bacheca e messaggi), sms e telefonate... mai avrei immaginato che tante persone si sarebbero unite in coro per farmi degli auguri speciali, da Roma a Buenos Aires, da Marcellina a Bogotà, da Fermo a Lisbona, da Alicante a Boston, da Sibenic fino in Corea...
Con tutti ho condiviso qualcosa nella mia vita, tranne che nel caso dei saluti da Bogotà che comunque mi riempie di orgoglio perchè arrivati da parte di qualcuno che non conosco direttamente, che non mi conosce direttamente, solo ha letto qualche mio racconto e mi ha cercato e chiesto amicizia dicendomi che aveva fatto tradurre i miei racconti in Spagnolo per poterli leggere perchè una sua amica professoressa di letteratura le aveva detto qualcosa del libro...(cosa ci può essere più bello di questo, se poi casualmente quel giorno è anche il tuo compleanno?)...
Grazie a tutti di cuore. Grazie Sara Bujas per la dedica con Cesaria Evora. Grazie a mio fratello (acquisito) Paolo Beltrame che avrebbe scalato le montagne per portarmi un sorriso nei momenti piú bui. Grazie alle mie sorelle artistiche Saba Anglana e Igiaba Scego, perchè ci sono sempre, in ogni momento della mia vita con una rima o una nota. Grazie alle mie sorelle di sangue Nilza, Lilly, Marisa, Helia e mio fratello di sangue Elton, per non aver dimenticato. Grazie a tutti a tutti... di cuore Grazie!

Grazie a tutti quelli che hanno scelto altre vie di comunicazione, piú personale e che per questo non compaiono nelle immagini di FB: mia madre, sorelle e fratello, Laura Pietrosanti, Benvinda Pereira, Giovanni Mone, Rosa Cosola, Saba Anglana, Antonello Sampietro, Paola Garfi, Sara Bujas... molte grazie!!!

Grazie anche agli auguri arrivati il 25 da parte di Manu, Sandro e Federica!

Un uomo è NIENTE senza gli AMICI...
GRAZIE a TUTTI PER ESSERCI!!!!

22/06/10

Un raggio di sole

Un raggio di sole
(atto primo)


IL SUO SORRISO

è superiore
a qualsiasi energia conosciuta...
riesce
a riempirti
l'anima
in un solo istante
anche se nel cuore della notte,
nell'immensità del vuoto...
tutto il resto?
Non ha senso...
io però CI SONO!

UN RAGGIO DI SOLE
(atto secondo)

Afferro il tuo respiro nel suo principio

Con la sensazione che l’universo

Non sia mai stato così grande

Quando la tua pelle calda e delicata

Sfiora la mia in un’azione emozionale

Che durerà, e firmo, per sempre

Così come la tua fievole voce che

Aprendosi spazi nell’infinito essere

Disegna la sua perentoria presenza e

Allora, ogni cosa è per te.

Ogni cosa è per te, ogni cosa è per te

Da questa notte piena di stelle

All’acqua in un giardino al mattino

Dalle mie lacrime sul mio viso

All’abbraccio ancestrale di tua madre

Ogni cosa è perché tu ci sei…

È mio invece l’universo di emozioni

Che mi regali in questo 22 giugno

È nostro quest’universo di emozioni

Che ci regali in questo solstizio d’estate

È mio questo sole, è mio questo sole

È nostro questo sole unico

In questo giorno più lungo

In questo giorno più bello.

18/06/10

Morte di un Nobel


Morto Jose' Saramago, scrittore premio Nobel

(ANSA) MADRID - Lo scrittore portoghese e premio Nobel José Saramago è morto oggi, 18 giugno 2010, attorno alle 13.45 nella sua residenza alle Isole Canarie: lo riferisce l'edizione elettronica di El Pais. Saramago aveva 87 anni.

Un omaggio al grande scrittore del '900.
Premio Nobel capace anche di porsi contro la Santa Sede...
Per le sue posizioni sul conflitto Medio oriente verrà accusato di antisemitismo, mentre per il Memoriale, ma soprattutto per il suo Vangelo e il testo teatrale 'La seconda vita di Francesco d'Assisì ha subito gli attacchi dalla Santa Sede.

L'Uccelletto di Trilussa

Ho appena trovato un passerottino che saltellava per le strade di Murcia. A pochi passi si aggira un gatto famelico... così decido di prendere com me l'uccellino... mentre cerco di farlo bere e mangiare mi viene in mente l'uccelletto di Trilussa che vi ripropongo di seguito!

Era d'Agosto e il povero uccelletto
Ferito dallo sparo di un moschetto
Andò per riparare l'ala offesa,
a finire all'interno di una chiesa.

Dalla tendina del confessionale
Il parroco intravvide l'animale
Mentre i fedeli stavano a sedere
Recitando sommessi le preghiere.

Una donna che vide l'uccelletto
Lo prese e se lo mise dentro il petto.
Ad un tratto si sentì un pigolio
Pio pio, pio pio, pio pio.

Qualcuno rise a sto cantar d'uccelli
E il parroco, seccato urlò: "Fratelli!
Chi ha l'uccello mi faccia il favore
Di lasciare la casa del Signore!"

I maschi un po' sorpresi a tal parole
Lenti e perplessi alzarono le suole,
ma il parroco lasciò il confessionale
e: "Fermi - disse - mi sono espresso male!

Tornate indietro e statemi a sentire,
solo chi ha preso l'uccello deve uscire!"
a testa bassa e la corona in mano,
le donne tutte usciron pian piano.

Ma mentre andavan fuori gridò il prete:
"Ma dove andate, stolte che voi siete!
Restate qui, che ognuno ascolti e sieda,
io mi rivolgo a chi l'ha preso in chiesa!"

Ubbidienti in quello stesso istante
le monache si alzarono tutte quante
e con il volto invaso dal rossore
lasciarono la casa del Signore.

"Per tutti i santi - gridò il prete -
sorelle rientrate e state quiete.
Convien finire, fratelli peccatori,
l'equivoco e la serie degli errori:
esca solo chi è così villano
da stare in chiesa con l'uccello in mano.

Ben celata in un angolo appartato
Una ragazza col suo fidanzato,
in una cappelletta laterale,
ci mancò poco si sentisse male

e con il volto di un pallore smorto
disse: "Che ti dicevo? Se n'è accorto!"

25/05/10

14/05/10

Vogue: in Bianco&Nero

by Cristina Ali Farah

The stage show is a portrait of a group of young Cape Verdean looking for a balance into italian society

Jessica Costa Moreno is the author, together with Francesco Talarico, of the play Outsiders, awarded in Milan by the Accademia dei 
Filodrammatici. I had met Jessica two years ago during my trip to Cape
Verde. We had both lost the coincidence from Lisbon, it was late at night and I was traveling with my two young sleeping children. At the time I had no idea we would have met again a few months later together with writer and mutual friend Jorge Canifa Alves, an Italian-Cape Verdean now living in Spain. The them for the play, explains Jessica, was suggested by Jorge, after the death of Abdul Guiebre, the young man killed in Milan by the owners of the Shining bar. Set in a waiting room, the play stages the encounter-confrontation of six young men and women, played by young actors, second-generation Capo Verdeans and Italians. The play is centered around the theme of the relation of attraction and repulsion towards two identity-related poles: Italy and the parents' homeland, both sought after and rejected.

The play, when I saw it, was interposed with quite powerful interviews to the authors and actors. Jessica and Francesco try to convey a cross-section of Italian society through their characters. 
Outsiders is an ironic, caustic work, with pressing and enthralling dialogues, and deals with key issues, trying not to sound rhetorical.

12/05/10

Rondini e Ronde a Capo Verde

DIASPORA: “Sparrows and patrols”

Immigrants in Italy hold strike to protest against Berlusconi
01 March 2010

Immigrants from all over the world, including Cape Verde, who chose Italy to live and work, will hold a nation-wide strike today, March 1, to protest against the restrictive immigration laws passed by Prime Minister Silvio Berlusconi’s government.

Law 733 B, say immigrants in Italy, represents a step backward. “This law, which went into effect on June 2, 2009, was conceived by Berlusconi’s government, which misleadingly called it a “Security Pact,” according to Cape Verdean immigrant Jorge Canifa, president of the Tabanka Onlus Association.

click here and read more: Asemana.PBL.CV

27/04/10

Granada: il bianco melograno

L'Albaicin mi resta tra le mani
come il ricordo
di un bianco melograno
nel pieno della sua maturità
mentre la apro e ne assaporo
il sapore delizioso della sua cultura mista,
aspetto eterno di ponte incrollabile
che unisce il paladino e il saraceno
sotto la stessa bandiera Unesca
e li getta entrambi dentro una storia di valori autentici.
Oltre la " fortezza rossa",
s'ode un richiamo all'amicizia e un ammonimento
affinchè la chiave non riceva visita dalla mano
pena la fine del mondo...
mi domando cosa sia la chiave e quale il linguaggio della mano.
Forse a rispondermi sarà il grande Generalife?
Non so! in attesa di risposta
accarezzo il sole e il docile cane dormiente
e continuo ad assaporare questo delizioso
melograno... e qui mi vien voglia di sedermi
in un futuro lontano
accanto a fernando e ad Isabella.

16/04/10

curiosità: tatuaggi e orecchini

Il marinaio del XVIII secolo portava orecchini d'oro alle orecchie affinchè, in caso di naufragio, qualche anima caritativa, dopo aver strappato il pendente d'oro dai lobi, avesse avuto pietà per la sua anima e avesse dato sepoltura al suo corpo. L'orecchino rappresentava così un obolo per salvare l'anima.
Anche i tatuaggi aveva il loro significato pratico. I marinai si tatuavano il nome della propria nave sulla spalla, questo affinchè, sempre in caso di naufragio, risultasse più semplice l'identificazione del corpo qualora venisse recuperato in qualche spiaggia... bastava ricercare nell'elenco dei marinai imbarcati su quella determinata nave!

15/04/10

BALTAZAR LOPES e la rivoluzione culturale a Capo Verde.

Tabanka onlus e Mare Caela in collaborazione con istituzioni capoverdiane e la UNICV (Università di Capo Verde) ricordano Baltazar Lopes (il Dante Alighieri per l'Italia, o il Cervantes per la Spagna, o il Camoes per il Portogallo), padre della letteratura capoverdiana, attraverso la presentazione del suo libro maestro e patrimonio dell'umanità, come definito dall'UNESCO: CHIQUINHO - Romanzo Caboverdiano.
Il libro tradotto in diverse lingue vedrà le due associazioni impegnate a presentarlo attraverso la prima traduzione in italiano ad opera di Enzo Barca, che nell'occasione sarà presente all'incontro.... per tutte le informazioni cliccare sull'immagine a lato o visitare blog Tabanka oppure Mare Caela

08/04/10

FESTA DELLA PRIMAVERA

Il Bando de la Huerta è la celebrazione per eccellenza della città di Murcia, che si tiene il primo Martedì dopo Pasqua, e praticamente rappresenta il giorno d'inizio della Festa di Primavera e trasforma la città di Murcia in un unico ricco ORTO (Huerta). La giornata inizia presto con una offerta floreale alla Vergine di Fuensanta, patrono della città, di fronte alla facciata del Duomo. Nel pomeriggio importante è la sfilata di carri tradizionali per il centro della città, per presentare al mondo con i prodotti tipici locali che per l'occasione riempiono questi carri... è praticamente un ritorno alla vita contadina di cento anni fa. La maggior parte dei murciani si veste anche con abiti tradizionali huertani: camicia bianca, gilett, fascia in vita, pantaloni lunghi fino ai polpacci e bianchi, e calzatura in stoffa e canapa per gli uomini; per le donne invece abbiamo camicia bianca, scialle sulle spalle, gonna lunga e larga, stesso tipo di calzatura maschile e una piccola acconciatura floreale in testa... generalmente però questo abito costa molto ed è ingombrante per cui le ragazze preferiscono indossare l'abito maschile... Tutta la gente così vestita scende in strada animando ogni angolo del centro città che diventa presto intasato da migliaia di persone che bevono birra e mangiano tapas... dalla mattina fino a notte tardi... ne consegue qualche situazione disdicevole dovuto alla troppa birra in corpo e ai pochi servizi igienici allestiti per le strade... ma tutto questo fa parte della festa... la gente si diverte un "monton", cioè moltissimo!
Vengono allestite (questo già la domenica di Pasqua) in tutta la città dei chioschi chiamate "Barracas" in tipico stile "campagnolo" o huertano (scegliete voi!) dove si beve e si magia a poco e bene!
(foto e storia su
Murcia Regione!)

La battaglia dei Fiori. Le bellezze murciane indossando abiti tradizionali
attraversano la città su carri decorati artisticamente con fiori. Da questi carri durante il per corso vengono lanciati più di 200.000 fiori ai partecipanti a questo corteo. Questa sfilata è accompagnata da bande e gruppi di animazione come le ballerine semi-vestite in stile "Carneval do Brazil"... Viene celebrato il Mercoledì. (segui il video su Murcia Regione)

La sepoltura della sardina (El Entierro de la Sardina), finita la Quaresima e la Pasqua, i murciani stanchi di aver mangiato pesce per tanto tempo decidono di seppellire la sardina e di darsi alla carne... questo in sintesi la storia di questa festa così giovane eppure così radicata nella tradizione murciana... l'entierro de la sardina chiude due settimane di festività (la Settimana Santa e la Festa della Primavera)... in riva al fiume (Segura) si da fuoco ad una gigantesca sardina e si procede al suo seppellimento tra balli, canti e fuochi d'artificio... una cerimonia che dura diverse ore e prevede un rituale da seguire scrupolosamente.


29/03/10

Roma, i capoverdiani in corsa per la solidarietà

segue da "Res Roma notizia"
...
Tabanka "è un termine con cui si designa il luogo d’incontro nei villaggi dell’Africa occidentale, regione da dove provengono le principali etnie che hanno popolato nel corso di tre secoli l’arcipelago di Capo Verde; è il foro destinato alla discussione delle cose importanti che riguardano il villaggio e la comunità". L’associazione è stata costituita da capoverdiani che vivono da anni in Italia, fino alla seconda generazione, tutti impegnati nel mondo dell’associazionismo, e da amici e professionisti italiani amanti delle isole dell’arcipelago africano. La onlus - spiega il presidente Jorge Canifa Alves - "si impegna per contribuire allo sviluppo integrato delle isole e alla diffusione della cultura capoverdiana in Italia. In particolare s’interessa di cooperazione allo sviluppo in Capo Verde, promozione in Italia della cultura del paese d’origine, cooperazione con le donne a Capo Verde e in Italia, formazione dei giovani della seconda generazione degli immigrati, scambio con la diaspora capoverdiana, infanzia e terza età, il tutto attraverso manifestazioni, incontri, pubblicazioni e editoria multimediale".


Per informazioni, e-mail:
info@tabankaonlus.org
tabankaonlus@libero.it
http://www.tabanka-onlus.blogspot.com

18/03/10

"Las Meninas"

Perché il quadro di Velazquez si chiama Las Meninas?

La risposta ovvia sarebbe perchè sono ritratte delle "bambine", meninas in portoghese! ecco questo è il punto! Velazquez era spagnolo perchè usa il termine portoghese "menina" invece di "niñas"?

Perche' alla corte madrilena del XVII secolo "menina" assunse il significato di damigella di corte.
Fu chiamato "Las meninas" solo nel 1843 quando il pittore e critico d'arte Pedro de Madrazo lo classifico' appunto con questo titolo.
Nei precedenti inventari delle collezioni reali era semplicemente denominato "quadro di famiglia".

ANSWER di Donato de Bardi

10/03/10

Remembering Woody Guthrie


Woody Guthrie
ARCI Arcobaleno
Sabato 13 Marzo 2010 – ore 22:00
Via Pullino 1 (Garbatella)
Mariano De Simone
in
“Pastures of Plenty”
(I pascoli dell’abbondanza)
Remembering Woody Guthrie


L'infanzia di Woody è segnata da un susseguirsi di disgrazie: la disavventura finanziaria del padre, la casa che va a fuoco, la sorella che muore in un incidente domestico per l'esplosione di una stufa a petrolio, la madre che viene ricoverata per una grave malattia e infine il padre che muore ustionato in circostanze non chiarite.

Woody rimane ben presto solo, se ne va da Okemah e inizia a vagabondare per tutti gli Stati Uniti e riesce a sopravvivere facendo qualsiasi genere di lavoro.

Impara a suonare l'armonica, la chitarra e il mandolino. Per un breve periodo suona in una country band in Texas perfezionando il suo personalissimo modo di suonare la chitarra, inizia a scrivere canzoni che parlano della vita della gente, dei lavoratori, delle loro lotte, degli scioperi e della fatica quotidiana per la sopravvivenza.

Lui stesso dice: «Scrivo le cose che vedo, le cose che ho visto, le cose che spero di vedere, da qualche parte, in un posto lontano.»

Durante il concerto ADELE FELICI e gli allievi di Ruotalibera Teatro eseguiremo delle letture che accompagneranno tutti i brani di Woody Guthrie

03/03/10

Maratona di Roma 2010

Anche quest’anno Tabanka Onlus partecipa alla Roma Fun , la stracittadina della Maratona di Roma.

Il 21 Marzo partiremo dal Colosseo per ricordare le vittime dei disastri naturali dagli Appennini alle Ande, dall’Atlantico al Pacifico!

Acquistando i biglietti presso di noi potrai sostenere le famiglie colpite dall’alluvione a S. Nicolau (Capo Verde).

Saranno 4 km di divertimento all’insegna della solidarietà.

Infos:

tabankaonlus@libero.it

catia_dos@yahoo.it

3333424934

3206794508

27/02/10

il primo marzo 2010


YO MIGRO IL PRIMO MARZO

Siamo tutti clandestini. Siamo tutti antirazzisti, oltre la retorica della solidarietà. La crisi e i suoi effetti sempre più concreti non fanno altro che scoperchiare il vaso di Pandora. Dai migranti espulsi a fucilate perché schiavizzarli non serve più, ai maestri lasciati a casa perché sono troppi, ai precari che vedono sfumare ogni possibilità di reddito, agli studenti che vedono svanire ogni possibilità di futuro degno. Troppi, siamo troppi, nelle scuole e nei posti di lavoro e qualcuno va messo fuori dal gioco. Cosi diventiamo clandestini, ricattabili, pericolosi, così ci vogliono divisi, in competizione, diffidenti. Noi la crisi non la paghiamo.

continua su----> yomigro

Atmosfere eritree


A photographic book evokes the timeless atmosphere of the Eritrean capital


Un libro fotografico evoca atmosfere senza tempo della capitale eritrea








Cesar Mba is a Guinean-Spanish writer. I met him over a year ago in Lyon, during a conference for Afro-Europeans. He now lives in Malabo, which he describes as "the city of the universal rains". continue to --->
Vogue - Cristina Alì Farah

25/02/10

RONDINI E RONDE

Come volare alto sul RAZZISMO!
dal sito www.mangrovie.org

La sigla è di quelle che più anonime non si può. Ma dietro il ddl 733 B si cela una delle leggi tra le più retrive pensate dal governo Berlusconi, cinicamente detta “pacchetto sicurezza”.
Dal 2 giugno 2009, giorno della sua entrata in vigore, la clandestinità è un reato penale. Fuggire da un Paese in guerra, dalle torture, dalla fame e scegliere l’Italia come approdo porta dritti in quei lager che sono i Centri di identificazione ed espulsione. Oppure in galera.
I racconti contenuti in questa antologia sono stati scritti da autori migranti e italiani. Voci, culture, pensieri diversi levati contro una politica razzista che non può e non deve avere la meglio sul nostro futuro. Impensabile senza immigrati. E senza l’arricchimento che scaturisce dal confronto tra diverse culture.

Racconti di:
Julio Monteiro Martins, Pina Piccolo, Daniele Barbieri, Tahar Lamri, Milton Fernàndez, Mihai Mircea Butcovan, Giuseppe Calabrese, Raffaele Niro, Zhanxing Xu, Claudiléia Lemes Dias, Susanne Portmann, Helene Paraskeva, Jorge Canifa Alves, Marina Sòrina, Ismail Ademi, Leonardo Tondelli, Rosana Crispim Da Costa, Božidar Stanišić, raphael d'abdon, Paolo Buffoni Damiani.

Prefazione di Jean-Léonard Touadi.


«Presentarsi agli altri, gentilmente; poi con un sorriso-maschera cortese ripetere due, tre volte il proprio nome e cognome, esotici perché non italiani. [...] Ci sono però immigrati che, oltre a presentarsi in modo borghese, potrebbero fare altre scelte, soprattutto come testimoni della Storia.
Un giovane colombiano di nome Alvaro potrebbe presentarsi come colui che ha vissuto l’uccisione di tutti i suoi nove familiari, ed è riuscito a fuggire perché voleva vivere malgrado tutto; un kurdo di nome Jusef e sua moglie Aisha come coloro che su una zattera di gomme di auto usate sono riusciti a raggiungere l’altra sponda di un grande fiume in Iraq e a salvarsi dai loro persecutori»

19/02/10

Chiodo Fisso

Chiodo Fisso
per la regia di Diego Marras

Vi racconto Capo Verde in meno si 9 minuti
: dalla magia della notte fino al mio ritorno e partenza!!!

clicca qui------->Tutto il mondo a Capo Verde

Chiodo Fisso
è uno spazio che offre nella sua brevità la tensione narrativa di un racconto.
Ogni mese "chiodo fisso" si concentra su un tema. Ogni giorno torna sullo stesso tema, ma nella chiave sempre diversa del protagonista di quella singola puntata. Attraverso la costellazione delle molte storie ci avvicineremo al centro del tema che è stato prescelto Il primo chiodo fisso è dedicato all'Africa.
Non pretende di descrivere un intero continente ma si propone di darci molte e inaspettate immagini dell'Africa, di compiere piccole significative incursioni che possono avere anche il senso di scalfire qualche luogo comune.

12/02/10

Presidente o Capo dei Banditi?

Forse dimenticherò difficilmente questa intervista che per un attimo mi ha riportato dentro l'ITALIA, questa amata terra per cui continuo a lottare anche standole lontano perchè l'amore che nutro per Lei è immenso, quasi quanto per l'altra mia Lei: CAPO VERDE!
Grazie Francesco!

STORIA di JORGE
da MixaWeb
di Francesco Bianco

Io ho avuto la fortuna di avere un'insegnante straordinaria alle medie. Questa persona, oltre a stimare ognuno di noi come fossimo i suoi figli, cercava di tirare fuori da ciascuno le proprie caratteristiche artistiche. Ci portava dentro le storie, nel tentativo di farcela creare a noi una storia. Da qui è nata la mia passione per la scrittura. Potevo creare situazioni incredibili e personaggi fantastici. Ho continuato a scrivere brevi racconti, alcune poesie, vestendomi sempre dei panni dello 'scrittore italiano', sempre con ambientazioni italiane. Finché a un certo punto non ho riscoperto la mia parte africana. C'è stato un vero e proprio cambio. Qualcosa è scattato dentro di me. L'esigenza di vedere la scrittura non più come semplice diario di un ragazzino, ma come il desiderio d'informare le persone che mi leggevano dell'altra mia maschera, quella africana”.


Inizia così il mio incontro con Jorge Canifa Alves, scrittore di Capo Verde, che si è trasferito nel 1979 in Italia con la madre. "Se penso alla mia infanzia, vedo un bambino che corre sulle montagne di Santantao a piedi scalzi seguito da altri ragazzini anche più grandi. Ero un leader. Scherzando dico sempre a mia madre che se fossi rimasto a Capo Verde sarei diventato qualcosa d'importante nel bene o nel male. O il presidente o il capo dei banditi”. Invece a sei anni, prima Lisbona, in Portogallo e subito dopo in Italia. Gli inizi, come molto spesso accade nei racconti di vita della cross generation (o per chi preferisce della Seconda Generazione) non sono facilissimi. Anzi "terribili", come li definisce lui stesso. Abita a Marcellina, un paesino di qualche migliaia di anime, in provincia di Roma. La maestra delle elementari era molto diversa da quella delle medie. Jorge ovviamente non parlava ancora bene l'italiano e l'insegnante, invece di aiutarlo, lo mette su un banco con un foglio a disegnare, mentre gli altri bambini imparano a leggere e scrivere. La madre reagisce. Impaurita per il futuro del figlio decide che Jorge deve dimenticare Capo Verde. Il modo migliore per inserirlo è cancellare l'Africa e il creolo, la sua lingua per immergerlo nella nuova cultura. "Mia madre mi ha proibito di entrare in contatto con la parte africana, in qualche modo per proteggermi".
La vita da adolescente normale, forse fin troppo. Tutta a Marcellina, dove Jorge ha vissuto in un ambiente protetto e ovattato. Atti di razzismo veri e propri non ne ha incontrati. Solo una volta su un pullman vuoto che lo stavo portando a Roma, una signora italiana pretendeva che si alzasse e le lasciasse libero il posto. “Ma forse quello non era razzismo, era solo una donna fuori di testa”.


Jorge torna a recuperare la sua identità capoverdiana solo molti anni dopo con il racconto 'La Casa di Acqua', dove mette su carta la sua decisione di recuperare le sue radici. Questa esperienza lo mette in contatto con molti altri scrittori africani, che non immaginava neanche esistessero, perché “l'Italia è una barriera chiusa, non ti mette a contatto con le altre culture”. Incontra quindi altri artisti che come lui sono africani ma vivono in Italia. Non solo scrittori, ma anche musicisti, pittori. E' stato un momento di svolta della sua vita.
In questa rivoluzione Jorge ha cambiato tutto, anche città. "Amici che nascevano con me nella mia nuova esperienza".


Ora una nuova vita a Murcia, in Spagna. In Italia non riusciva più a trovare quello che cercava. Non è questione solo di razzismo o discriminazione. Semplicemente da noi non ci sono più possibilità per cercare la propria strada. Almeno per ora. “Ma se riesco torno”. Jorge, insomma, è uno dei 150 mila italiani che l'anno scorso hanno lasciato l'Italia alla volta della Spagna, per tentare la carta di avere un futuro.

XXXIII° ANNIVERSARIO DALL'INDIPENDENZA DI CAPO VERDE

XXXIII° ANNIVERSARIO DALL'INDIPENDENZA DI CAPO VERDE
J. Canifa Alves, l'On.le M. Monteiro, l'On.le Frias, l'On.le Sousa, rappresentante Caritas F. Pittau

Un libro può salvare la vita

  • edgar allan poe - racconti
  • Gabriel Garcia Marquez - Cent'anni di solitudine
  • Isabel Allende - il piano infinito
  • Luis Romano - famintos
  • Michael Ende - la storia infinita

MONDO MIGRANTE

Los Angeles – Charlize Theron è diventata cittadina americana. Ad annunciarlo la stessa attrice durante il David Letterman Show: “ho sempre desiderato essere cittadina americana, ma loro non volevano accettarmi… Ho dovuto studiare. Inoltre era difficile non pensare a qualche trucco all’esame, come quando a me, di madrelingua inglese e sudafricana, è stato dato un foglio e mi è stato chiesto di scrivere correttamente la frase: è una giornata di sole”.

Un premio Oscar all’ umorismo americano… ma si diamo loro anche un “Tapiro d’oro”.

Le rivoluzioni non necessariamente rappresentano delle soluzioni... sicuramente ti danno linfa vitale!

RAIZ-LONGE

RAIZ-LONGE
dietro: Benny Hopffer Almada, Giovanni Mone, Alfredo Pierantozzi; al centro: Marta Poretti, Viviana Alves, Jorge Canifa Alves, Cateline Hopffer Almada, Lorena Salvatori, Walter do Rosario; in basso: Hamdi Dahir, Linda Evora, Aderico Brito.